Becoming Minimalist: newsletter n. 28

di adf


Con questo post recupero il ritardo sull’ultima newsletter di Becoming Minimalist. Dopodiché potrò tornare a scrivere qualcosa di mio. Di argomenti ne avrei diversi… L’unico problema è il tempo. Non perché sia particolarmente preso da impegni professionali improrogabili o da incombenze private di qualche tipo. È che ho cominciato a mettere in pratica alcuni dei cambiamenti che mi sono ripromesso di attuare nella mia vita. Il primo dei quali è proprio quello di dedicare tempo a me stesso e alle cose che mi fanno stare bene: un po’ di sport, un po’ di riposo in più, una passeggiata in centro, un cinema, un buon libro, la compagnia di mio figlio… E così il tempo da dedicare al blog non è mai sufficiente. Rimedierò… o forse no, vedremo. Intanto, ecco qualche link interessante.

Kub-Victor-Vasilev-1

• Il blog è quello di Becoming Minimalist, ma l’articolo è scritto da un’altra blogger molto conosciuta, Coleen Madsen di 365 Less Things, ed elenca i 10 consigli basilari per fare decluttering.

• La raccolta fondi su Kickstarter per la sua realizzazione è terminata con successo, ed ora Pursuing Happiness, documentario sulla felicità, è in fase di produzione. Da seguire.

• Un articolo con un incipit molto carino (“Il primo oggetto che ho comprato è stato un magnifico divano. Ero orgogliosa. Poi ho realizzato che… non sarebbe mai entrato nel mio zaino.”). Elenca i 5 motivi per cui gli oggetti non ti renderanno mai veramente felice.

• Un bell’articolo del Wall Street Journal che offre un parallelo fra la vita hi-tech di oggi e quella di Henry David Thoreau durante la sua esperienza ‘essenzialistica’ descritta in Walden. Con qualche  consiglio per il ‘digital detoxing’.

• Leo Babauta, blogger apprezzatissimo, e precursore sulla strada della ‘semplificazione’, ha scritto uno dei suoi ricorrenti post sul decluttering, con tutte le istruzioni necessarie per cominciare a disfarsi del superfluo. Qui.

In foto: il Kub Basin. Lo trovate qui.

Annunci