Becoming Minimalist: newsletter n. 10

di adf


L’ultima newsletter di Becoming Minimalist arriva con la definizione di ‘Edizione per un Natale leggero’. Da parte mia comincio a fare a tutti i miei più sentiti auguri di Buon Natale. E soprattutto quelli per un anno ricco di gentilezza, di buon umore, di soddisfazione e di sentimenti veri. Auguri! E ricordatevi di non fare regali inutili, di non buttare via i soldi che avete guadagnato vendendo il vostro bene più prezioso, il tempo passato, che non torna più. Viaggiate leggeri.

L’editoriale di Joshua Becker

L’importanza di aiutare gli altri.

Recentemente ho inviato una e-mail ad un amico. L’ho ringraziato per avermi aiutato nel corso degli anni e per essere stato un fattore importante nel successo di Becoming Minimalist. Mi ha risposto: “Se ti ho aiutato ad avere successo, io sono felice.” È stata una risposta breve, ma ha comunicato un’importante verità: i più grandi successi della nostra vita li otteniamo spesso aiutando gli altri ad avere successo. I nostri risultati più duraturi e appaganti spesso li raggiungiamo aiutando gli altri a conseguire i propri. Questo pensiero è estraneo a una cultura che vede spesso il mondo come una gigantesca gara. Secondo questa, vi è sempre un certo numero di vincitori e vinti. E se qualcun altro vince, c’è un’opportunità in meno per me. Mi sono reso conto però, che l’idea della concorrenza si basa su una premessa errata. Presuppone che esista una torta dalle dimensioni limitate, che un successo in più nella vita di un altro equivalga a un successo in meno nella mia. In tutta franchezza, questo modo di pensare non mi sembra corretto. Vi è una meravigliosa libertà e una certa grazia nella comprensione che questa torta in realtà non sia limitata – che in realtà, questa torta continui a crescere. Il successo di un altro non significa che io abbia meno opportunità. In effetti, il successo di un altro può essere un mio successo se ho avuto l’accortezza di aiutarlo, stimolarlo e promuoverlo lungo la strada!

Dentro di noi sappiamo che siamo stati creati per vivere per qualcosa di più grande di noi. Il nostro contributo a questo mondo deve essere misurato da qualcosa di più significativo rispetto alle dimensioni della nostra casa o all’eleganza del quartiere in cui essa si trova. E le nostre vite troveranno un reale significato proprio nel modo in cui sceglieremo di viverle… e in quello in cui sceglieremo di aiutare gli altri a vivere le loro.

Questi i link a blog e siti Internet che parlano di come semplificarsi la vita:

 • Gli americani e i commercianti che rovinano lo spirito delle feste (qui). Il Black Friday e il Natale che si avvicina.

• Guida a un Natale sostenibile (qui). Con tanto di consigli per regali utili e che non… ingombrano.

• Una brevissima riflessione sulla fretta e sulla generosità (qui).

• C’è qualcosa che unisce la lista dei regali di Natale di vostro figlio alla vita di ognuno di noi (qui): volere tutto è come non volere niente!

• Correte in cima alla lista delle vostre ‘cose da fare per Natale’, e scrivete al numero 1: Respirare! (qui)

• Dieci attività natalizie indimenticabili (ed economiche) da condividere con i vostri cari (qui). E c’è anche il certificato ‘Un regalo in meno’!

• La Chiesa di una comunità Metodista del Vermont propone di non spendere più di 100 dollari a famiglia per i regali di Natale (qui). Una riflessione su Cristianesimo, Natale e consumismo.

• Gli 8 problemi di Leo Babauta con il Natale (qui). Alternative ‘minimal’ ai tradizionali acquisti natalizi.

• Tanti altri link sull’argomento (qui). Una guida… essenziale per vivere un Natale… essenziale.

Annunci